Ligabue: video e testo di Luci d’America, nuovo singolo che anticipa l’album Start in uscita a marzo

Da domani in radio il nuovo singolo di Ligabue, Luci d’America, che apre la strada al nuovo ed atteso album Start in uscita a marzo. L’artista sarà forse ospite del Festival di Sanremo 2019.

Da domani, venerdì 11 gennaio, sarà in radio e disponibile in digitale il nuovo brano Luci d’America, primo singolo estratto dal dodicesimo disco dinediti di Ligabue in uscita a marzo, Start (Zoo Aperto/F&P Music Hub/Warner Music). Lunedì 14 gennaio il video del brano, girato in California, sarà disponibile online. Luci d’America è stato prodotto da Federico Nardelli (già produttore per Gazzelle). 

Per lui un ritorno al rock, qui con venature di elettronica. Luci d’America è un invito a lasciarsi attraversare dalla bellezza del mondo che ci circonda: è quasi anacronistica un’esortazione di questo tipo, soprattutto oggi che non riusciamo ad alzare gli occhi dai nostri dispositivi mobili che dovrebbero connetterci, quando invece non fanno altro che isolarci e renderci schiavi di una realtà artefatta, che annichilisce i sentimenti “di certi miracoli uno può accorgersi solo da sveglio”.

Il video, scritto e diretto da Marco Salom, è stato girato in California. Il deserto lunare di Pinnacles, l’area disperata e malfamata di Skid Raw, le luci scintillanti di Hollywood, la ghost town di Trona, l’oceano di Malibu, una suggestiva foresta bruciata: sono solo alcune delle locations attraverso le quali si sviluppa il racconto. Come America e Africa, citate nel testo del brano, sono due luoghi concettualmente agli antipodi, il video mostra due diversi modi di posare lo sguardo sulle cose. Una visione ora reale ora filtrata degli interpreti evidenzia contraddizioni e differenze che caratterizzano l’essere umano, l’amore, la natura e nello specifico l’America. Ligabue e i protagonisti del video si proiettano in una California ora bellissima e luccicante, ora desolata e infinita, lasciando in sospeso tra ciò che è reale e ciò che viene percepito.

C’è grande attesa per il nuovo album che arriva a tre anni dal precedente Made in Italy. Si vocifera per lui una partecipazione esclusiva in qualità di ospite musicale al prossimo Festival di Sanremo 2019In estate Ligabue sarà poi in concerto nei principali stadi dItalia con un grande show. Qui il sito ufficiale.

Testo:

Vieni qui e guarda fuori
fammi un po’ vedere come tu la vedi
io vedo fumo sulle macerie
tu guardi nello stesso punto e sorridi.
Dai che allora andiamo al mare
la penisola intanto riesce a galleggiare
facciamo che guido e tu guardi fuori
perché a guardare resti tu la migliore
serve pane e fortuna
serve vino e coraggio
soprattutto ci vogliono buoni compagni di viaggio.

Le luci d’America
le stelle sull’Africa
si accende lo spettacolo
le luci che ti scappano dall’anima.

Vieni qui e andiamo fuori
fuori da uno schermo e dalle mie prigioni
c’è ancora il sole che fa il suo lavoro
sui santi subito e sui tagliagole.
Prestami i tuoi occhi ancora
ché io guardo il dito mentre tu la luna
e fatti vicina, un po’ più vicina
adesso voglio un altro panorama.
serve pane e fortuna
serve vino e coraggio
soprattutto ci vogliono buoni compagni di viaggio.

Le luci d’America
le stelle sull’Africa
si accende lo spettacolo
le luci che ti scappano dall’anima
La luce dell’Africa
Le stelle d’America.

E fra distruzione e meraviglia
e tu che mi aspetti sulla soglia
di certi miracoli uno può accorgersi solo da sveglio.
Le luci d’America
le stelle sull’Africa
si accende lo spettacolo
le luci che ti scappano dall’anima
La luce dell’Africa
Le stelle d’America.

Ligabue Luci d'America cover
La cover del singolo Luci d’America

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...