Chiara Galiazzo ‘Honolulu’: immaginare un altrove possibile – testo

Chiara Galiazzo pubblica Honolulu, non un singolo ma una delle tappe di un percorso iniziato ormai un anno fa, un episodio più onirico scritto insieme ad Alessandra Flora e Katoo. La coperta di Linus in cui rifugiarsi in questo periodo di grande incertezza.

Chiara Galiazzo Honolulu

Chiara Galiazzo condivide oggi 17 aprile Honolulu (disponibile qui), non un singolo ma un’altra anticipazione dall’album di prossima uscita (autunno) dopo Pioggia viola L’ultima canzone del mondo. Rappresenta una delle tappe di un percorso iniziato ormai un anno fa, un episodio più onirico ed essenziale scritto dalla stessa Galiazzo con Alessandra Flora Katoo (Francesco Catitti), che torna in veste di produttore (lo è di tutto il disco).

Honolulu è una finestra sulla volontà di evadere, di immaginare che un altrove sia ancora possibile, quando ci sentiamo stretti in un quotidiano che non ci appaga. La realtà che abbiamo intorno non ci piace e desideriamo allora di proiettarci in un luogo mai visto prima, isolato e magari poco frequentato, un’avventura alla ricerca della meraviglia. Anche i suoni sono evocativi, eco di una nostalgia orientaleggiante. Sebbene non nasca come un singolo, Chiara ha voluto pubblicarla perché adatta a questo periodo, essendo già per lei una sorta di coperta di Linus in cui si rifugia quando ne ha bisogno. Soprattutto in questo periodo di grande incertezza.

Con queste parole Chiara Galiazzo ha annunciato Honolulu (l’immagine del post ig è la cover del singolo).

Il testo completo di Honolulu:

Stasera provo a arrampicarmi fino al tetto
ché da lassù sembra diversa la città
o forse meglio fare un salto in uno specchio
come facevo io da piccola anni fa

E se dalla finestra vedo Honolulu
sarà più facile arrivarci ad occhi chiusi
non trovo divertente sembrare trasparente
non vinco niente e scappo sempre
ho un razzo che ci aspetta
andiamo ad Oriente

Ci sono sogni che addolciscono l’assenza
che a farci male già ci pensa la realtà
a ricordarmi che a Natale c’era un posto
con i regali ad ognuno
e non mancava nessuno

Così dalla finestra ho visto Honolulu
ed ho imparato ad arrivarci ad occhi chiusi
non trovo divertente sembrare trasparente
non vinco niente e scappo sempre
ho un razzo che ci aspetta
andiamo ad Oriente
Non capirà la gente
rimani indifferente
ma tu sorridi, sorridi sempre
ho un razzo che ci aspetta
andiamo ad Oriente

Ma non sono magica
e non c’è una logica ma
farei di tutto per raggiungerti
farei di tutto per raggiungerti
e raggiungerti a Honolulu
Honolulu

non trovo divertente sembrare trasparente
non vinco niente e scappo sempre
ho un razzo che ci aspetta
andiamo ad Oriente
Non capirà la gente
rimani indifferente
ma tu sorridi, sorridi sempre
ho un razzo che ci aspetta
andiamo ad Oriente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...